Italia
Chi siamo

La nostra responsabilità sociale, ai tempi del Coronavirus

L’emergenza Covid-19 ha toccato tutti da vicino. Sia come azienda, che come singoli individui abbiamo voluto esprimere un segno di solidarietà a quanti sono impegnati in prima linea per contrastare l’attuale emergenza sanitaria. Oltre a pensare alla sicurezza e al futuro di lavoratori e Azienda, abbiamo realizzato tre azioni concrete per aiutare il Paese.

Nel mese di aprile, rispondendo ad una precisa richiesta dei nostri collaboratori che desideravano offrire il proprio contributo alla gestione della crisi, abbiamo lanciato un’iniziativa a sostegno della Protezione Civile, istituendo una raccolta fondi. Sviluppata con il coinvolgimento delle RSU locali, l’iniziativa ha visto la collaborazione di una elevata percentuale di colleghi che hanno contribuito in prima persona donando, su base volontaria, parte delle proprie ore di retribuzione. Lo sforzo congiunto ha superato l’importante cifra di 130.000 euro. L’Azienda ha contribuito a sua volta, versando un importo del valore doppio rispetto a quello donato dai lavoratori. L’iniziativa ha consentito di versare una cifra pari a 390.000 euro alla Protezione Civile. 

Contemporaneamente, abbiamo realizzato donazioni locali, con contributi economici e materiali che ogni stabilimento ha deciso di destinare alle strutture impegnate in prima linea nella gestione dell’emergenza sul territorio: ospedali, ASL, RSA e Comuni. Chemetall Italia, per esempio, ha fatto una donazione economica alla Croce Bianca di Giussano, utilizzata poi per l’acquisto di mascherine e tute per la Protezione Civile. Il sito di Zingonia, in provincia di Bergamo, ha sostenuto lo sforzo del Policlinico San Marco, mentre il sito di Pontecchio Marconi ha supportato i principali ospedali di Bologna. 

Infine, abbiamo gestito una produzione di disinfettanti per le mani e le superfici; formulati molto richiesti in fase di emergenza Covid-19. BASF Italia ha, dunque, deciso di usare il proprio know-how tecnico e, grazie al coinvolgimento attivo della propria rete di partner e fornitori, ha rapidamente avviato una produzione speciale di soluzione idroalcolica, realizzata seguendo le linee guida fornite dall’OMS e le indicazioni dell’Istituto superiore di Sanità. Ad oggi, gli oltre 7.000 litri prodotti sono stati già consegnati a ospedali, associazioni di assistenza e case di cura per anziani, in tutto il Paese grazie alla collaborazione di Comuni, ASL e altri partner istituzionali.

Dai nostri social

Per rimanere aggiornato sugli ultimi contenuti pubblicati, seguici su: